L’Ecomuseo della Vite e del Vino dell’Oltrepò Pavese Orientale è stato istituito nel 2008 dall’Unione di Comuni Lombarda Prima Collina (Canneto Pavese, Castana e Montescano), al fine di valorizzare il patrimonio ambientale e culturale dei luoghi. L’attività svolta ha permesso di rafforzare le relazioni con i Comuni limitrofi tanto che si sono aggregati i Comuni di Broni e Cigognola. Il suo territorio è prevalentemente coperto da vigneti, e ben identificato per le sue caratteristiche paesaggistiche, socioeconomiche, e per identità culturali omogenee.

Le terre a cavallo fra il Versa e lo Scuropasso contengono testimonianze di un passato sui cui porre l’attenzione dei cittadini e delle istituzioni. Ciò è valido soprattutto per la vitivinicultura, che guardando anche ad esempi vincenti altrove, potrebbe trarre vantaggio da un uso “culturale” di vigneti e di edifici rurali, in cui siano meglio conosciute e salvaguardate memoria storica, tradizioni, strade e sentieri campestri, architettura rurale, potenzialità ambientali, nell’ottica di un rilancio del turismo rurale ed enogastronomico, che è sempre più alla ricerca di un abbinamento fra qualità e tipicità del prodotto con la cultura del territorio.

 

 

Per migliorare l'esperienza di navigazione, questo sito potrebbe utilizzare cookies sia propri che di terze parti. Per maggiori informazioni Clicca qui.

  Continuando la navigazione si accetta di utilizzare i cookies.