Le tradizioni orali ci raccontano di modi di dire, proverbi creati dalla sapienza popolare ... Abbiamo raccolto i più diffusi legati al vigneto e al vino

Pioggia ad agosto, tutto mosto Spiegazione : se piove durante il mese di agosto, l’uva produce molto succo

Se l’orto va male, il vino va bene Spiegazione : Se le coltivazioni dell’orto non fossero state soddisfacenti, vuol dire che ci sarebbe stato il clima adatto per una buona annata di vino

Pasqua sia alta o bassa, la potatura deve essere fatta Spiegazione: a Pasqua, in qualsiasi periodo arrivi, presto o tardi, la potatura delle viti deve essere terminata La vendemmia e il vino hanno ispirato poeti locali che hanno composto i propri versi in dialetto, che ci portano nel mezzo dell’atmosfera contadina ...

 

La vindammia ... una volta

Am'ricord la vindammia d'una volta,
in pe' du socal e ados un marsine',
sü pri bricc di "Calghè" e zu d'la Costa
a tiras dre di cavagnàs ad gurè,
a chi'eran samò grev quand i'eran vod
figürumas, po dop quand i' eran pe!

Dal nonu vegg, a la pü piculena
Tutt la famiglia a l'er mobilità,
ognuno a gheva la so pudarlena,
che l'arzadù l'eva pargià mulà.

E a mesdì in ponta col so cavagnò
gneva la nona e ... "Alè, l'è pronta fio!!"
Prima da vèr i piciu dal fagott,
zamò a'ssinteva l'udù di sarsisott.

Al masè, intant, a cl'era un balusòn,
pianda la scüsa da curmà i spurtè,
al sarniseva, par lu la bèla e la grama al padròn,
e par s'gnala, agh'mateva dü quasè.

Alura, l'üga la sbrasevan tüta a basi,
e po la sa sbarleva co i scalott;
zu pri caras, gher da tirà mè i' asi.
Atar che vericell! Cui furtünà i'ghevan di lisciott.

Po coi caratt a las purteva a cà.
In mes ad curt a ghera la navàsa;
i'omm i sudevan a furia da pastà,
agh'gneva sed, e is pasevan la butàsa.

Am ricord i vindammi ad giuventù!
Par dudas mes, as viveva tutta credit;
pagà tutt coss, ad sold agh'n'era pü,
e as ricuminseva a fa di debit.

Am par però aggh'er pusè armunia,
tüta la gent as vureva pusè be;
i vivevan i fadig in compagnia
e i'ghevan gnent'atar che un bon pècr'ad vè.

Rosina Sclavi – Canneto Pavese

In da cal bicer chi ad ve

Ghė una cresma in famiglia, vuruma festegià
Co una butiglia vegia dal ve c’ha fat me pà.
L’è una butiglia anonima impilà in un canton
Tra ragnatel e puar, as lesa a mala pena “ Bunarda dal Pisòn”

Strens al bicèr in d’al palm ‘ad la man,
Sent al prùfum a tutt i me culen:
viol dal pensier, ruslè ad bosc e gadàn,
sent al calur dal su e i fadig ad tüta là me gent.

D’un russ brilant, limpid, profumá,
Dal gust curpuus, at lasa nat la buca,
ma par rivà fe chi ‘n d’al biceer, quanta passion e quant lavurà:
am fa gni voia da ciapà una ciuca.

Subit dop la vindammia, finì da fa cantena,
A ghe zamò da cuminsà a pudà,
Cata su i lagn, mov dal ruud e cuncimà.
S’aspeta ammà da sintì sunà al mesdì
Dal campanè a’ d’la cèsa ad Caneed,
al naas al cula pra’l frad, i oss caturgnì
sa sta in pè par la vuluntà e la gran feed.

E po fa i viid, piantà di pason
Mat zu i videen e lutà anca co l’erba
Par pudì fa cal bicèr chi ad ve bon.
A ghè no da lasà la terza sèrba!

Riva l’istai, cumensa i turmintòn:
pagura d’la timpesta, iogg volt in su,
la malatia da sufar, al ningròn
ghè da racumandass al bon Gesù.

Me pà, verd ad sulfatu al muus e i man,
al tireva fe sira col Vermurèl in spala
adess as disarisa “al pareva un marsian”:
ma l’er nummò finì, a gher da rigulà anca la stala.

Intant, quai ac’lavureva no in campagna,
i’eran in vacansa, a mat i ciap al su,
al mar, ai lagh o sü da lì in muntagna,
ma ad feri, ag’nera mai mia par l’arzadù.

Gher da sfuià, dasquasimà da l’alba a sira,
farmas mai, nanca süta al cald d’august
in net, at ciapeva mai l’Ave Maria:
gher la vindammia in vista, gher da pinsà samò da pargià i butt.

Vad tütt quas'chi dentr'ün bicer ad ve
Insama col suriis ad me papà,
vad tutt la so passion, tutt al so be,
par la famiglia, la so terra, al so laurà.

Al vad là tutt i sir, pena tratt su al badì,
cal cata un fiur: un cunfanòn, una primula, una viola;
finalment anca la so giurnà al’è finì
e l’ultima ragg al brila, sura al turion, dadrè al castlè ad Saniola.

Ecu sa ghè dentar cal bicer chì:
una part ad’la me vita, i me pusè bei dì...

Per migliorare l'esperienza di navigazione, questo sito potrebbe utilizzare cookies sia propri che di terze parti. Per maggiori informazioni Clicca qui.

  Continuando la navigazione si accetta di utilizzare i cookies.